Iscriviti
Tinder celebra il mese della donna | Fare la prima mossa, essere se stesse e sfidare gli stereotipi
Con una recente ricerca condotta sulle ragazze italiane, Tinder ha chiesto cosa significhi per loro sentirsi libere, nella vita, sui social e sulle app di dating.
Tinder si rivela l’app di dating più popolare in assoluto, un luogo dove stringere amicizie e rapporti sinceri e duraturi, ma anche per esprimersi in libertà, raccontando senza filtri e senza finzioni la propria unicità.

Nel mese dedicato alle donne, Tinder celebra il concetto di libertà: libertà di essere se stesse come, quando e con chi si vuole, al di là di convenzioni e stereotipi. Tinder ha chiesto loro cosa significhi oggi essere libere nella vita di tutti i giorni, sui social e anche sulle app di dating, dove possono mostrarsi per chi sono veramente, scegliendo con chi costruire rapporti e amicizie sincere. Secondo il 66%* delle ragazze Gen Z italiane, infatti, sulle app di dating si può scegliere liberamente con chi interagire, mentre il 60%* si sente libera di condividere ciò che meglio la rappresenta.

Secondo una recente ricerca promossa da Tinder, per due ragazze su tre*, libertà significa essere se stessa in qualsiasi circostanza, anche e soprattutto nella scelta di relazioni e amicizie: quando è stato chiesto che cosa cercassero in un potenziale Match, tra sette opzioni disponibili il 50%* delle donne ha risposto che per loro è fondamentale parlare con qualcuno che le faccia sentire libere di poter essere se stesse, senza doversi preoccupare del giudizio altrui. Libertà significa poter sovvertire le convenzioni sociali indipendentemente dagli stereotipi (51%)* e vivere il momento senza necessariamente seguire regole precise (45%)*. Anche la timidezza sembra essere un concetto ormai superato: il 42%* delle donne si dice sicura di sé nel prendere l’iniziativa e fare la prima mossa, senza sentirsi in dovere di aspettare che sia l’altra persona a scrivere per prima.

Ma come fare per trovare il Match perfetto? Sempre più ragazze si affidano alle app di dating, alla ricerca di conversazioni profonde, bio oneste e una buona dose di umorismo**. Tinder si rivela l’app di dating più popolare in assoluto*, un luogo dove stringere amicizie e rapporti sinceri e duraturi, ma anche per esprimersi in libertà, raccontando senza filtri e senza finzioni la propria unicità.

Le giovani generazioni amano esprimere la propria libertà attraverso il loro abbigliamento (45% della Gen Z)*, la musica che ascoltano (44%*), il modo in cui espongono il proprio corpo (30%)* e lo sport e attività che praticano (22%)*. Da un'analisi delle bio delle donne di Tinder, emerge infatti una figura di donna sicura di sé, che ama condividere i propri interessi e le proprie passioni, ma pronta anche a difendere i propri valori: "forte"*** risulta essere la parola più usata nelle bio delle donne di Tinder, seguita da “femminista”***, “sognatrice”***, “ambiziosa”*** e “attivista”***.

Libertà significa però anche divertimento e svago: se potesse cambiare qualcosa nel mondo, infatti, la maggior parte delle donne desidererebbe avere weekend più lunghi**, ma anche uscire** e viaggiare di più**. Tra i buoni propositi per il 2022, molte ragazze Gen Z hanno dichiarato di volersi “amare così come sono”**.

La libertà si riflette quindi in ogni aspetto della vita di una donna, sia a livello sociale sia nel privato, e Tinder le sostiene nell’essere semplicemente e completamente se stesse.

 

Metodologia e materiali

* I dati sono stati raccolti da YouGov in una ricerca promossa da Tinder, condotta tra il 23 e il 27 febbraio 2022 su un campione di donne italiane tra i 18 e i 55+ anni

** I dati sono stati presi dalle Vibes di Tinder su un campione di donne italiane Gen Z (18-25 anni)

*** I dati sono stati presi dalle bio su un campione di donne italiane Gen Z (18-25 anni)

Le illustrazioni e le creatività sono stata realizzate da Tinder in collaborazione con Momusso.