Iscriviti
Le migliori compagnie techtecnologiche si uniscono per promuovere la diversità e l'inclusione nelle aziendecompagnie dei fornitoriche forniscono servizi.
Tinder collabora con SurveyMonkey per aggiungere diversità, uguaglianza e inclusione ai criteri dialla selezione e aggiornamento dei fornitori e ai processi di rinnovamento

 

San Mateo, California – 3 agosto 2020 - SurveyMonkey ha annunciato oggi che 23andMe, Age of Learning (creatore di ABCmouse), Box, Chime, Eventbrite, Genesys, Headspace, Intuit, Leaf Group, PagerDuty, Slack, Tinder, Tile, Upwork, e Zoom sono tra le grandimaggiori compagnie tecnologiche che si uniscono alla nuova iniziativa di SurveyMonkey di monitorare la rappresentazione dei gruppi tradizionalmente marginalizzatimarginati che lavorano per i loro fornitori, includendo gli studi legali, i fornitori di servizi tecnologici, i fornitori di alimenti, i locatori, le agenzie di marketing, le banche di investimentoi e gli auditor.

A differenza dei precedenti programmi relativi alla diversità per i fornitori (che di solito si limitano a monitorare che la proprietà sia in mano a una minoranzala partecipazione delle minoranze), questa nuova iniziativa userà un semplice sondaggio per monitorare anche la rappresentazione delle donne, delle minoranze etniche e del collettivo LGBTQI+ tra il personale dei fornitori, il team dirigenziale e il consiglio d'amministrazione. Valuterà l'uso da parte del fornitore di pratiche inclusive per assumere, sostenere e promuovere i dipendenti di gruppi tradizionalmente emarginati.

"Promuovere la diversità, l'uguaglianza e l'inclusione è un'importante sfida per il settore tecnologico", ha affermato Zander Lurie, CEO di SurveyMonkey. "Abbiamo molto su cui lavorare nel nostro settore per diventare antirazzisti. Vogliamo aiutare a rovesciare i pregiudizi sistemici che sappiamo che esistono nel mondola comunità imprenditoriale. Questa nuova iniziativa ci permette di trasformare la diversità, l'uguaglianza e l'inclusione in parametri aziendali che promuoverannoguideranno la trasparenza dei fornitorinelle aziende di cui ci fidiamo per far funzionare le nostre aziende. Dei dati migliori portano a una maggior responsabilità e, di conseguenza, progresso su iniziative di diversificazione".

Le compagnie partecipanti hanno accettato di iniziare a porre le basi per raccogliere dati sulla diversità e l'inclusione di fornitori nuovi e in essereprecedenti entro i prossimi 30 giorni, e di includere la diversità del fornitore nel processo decisionale a lungo termine. Le aziendecompagnie continueranno a collaborare e a sviluppare le best practicemigliori pratiche per usare il loro budget per promuovere il cambiamento nel mondoall'interno della comunità imprenditoriale.

A proposito di questa 'iniziativa, il decano della Wharton School of the University of Pennsylvania nonchée il membro del consiglio di SurveyMonkey Erika James hanno affermato: "Si tratta di un pezzo importante del puzzle dDistricare i complessi fattori complicati che portano alla sottorappresentazione di alcuni gruppinza nelle aziende statunitensi è un pezzo importante del puzzle. C'è la volontà in queste aziendecompagnie di unirsi per prendere una posizione e fare leva sui propri bilanci per lasciare il segno. Nessuna compagnia può avere lo stesso impatto che ha la collettività".

Il programma è stato creato in collaborazione con la società di consulenza sull'impatto sociale The Justice Collective, che continuerà a sostenere le aziende partecipanti e i loro fornitori. Puoi trovare risorse aggiuntive e un link al sondaggio per il personale dei fornitori cliccando su: surveymonkey.com/equity.